logo
Dopo il riforenimento- Nave Andrea Doria – Nave Vesuvio

Il rifornimento in mare: si tratta di un’operazione delicata, operazione potenzialmente molto pericolosa, che deve essere effettuata anche con condizioni meteorologiche avverse, che richiede elevata preparazione professionale e affiatamento da parte dei team dei rispettivi equipaggi.

I due equipaggi mettono in atto le consolidate procedure operative che consentono di agire in sintonia comunicando prevalentemente con segnali visivi e luminosi.  In pochi secondi vengono trasferiti diversi metri cubi di cherosene in piena sicurezza ed altri materiali

L’addestramento degli equipaggi su questa procedura e continuo e costante, trattandosi di un’operazione inprescindibile.

Nave Andrea Doria (D 553) ( classe Orizzonte)

La nave fa parte della classe “Orizzonte” ed è progettata per servire un vasto ventaglio di missioni, comprese operazioni ad alta intensità, tutte con equipaggio ridotto. I cacciatorpedinieri  “Horizon” sono navi da combattimento di prima linea con una forte capacità distintiva: la guerra antiaerea, nota anche come difesa aerea.  Le prerogative delle navi sono quindi il controllo dello spazio aereo sull’area delle operazioni, il comando e il controllo della difesa aerea e la copertura antiaerea per gruppi di portaerei e convogli. I caccia “Horizon” forniscono protezione contro minacce ad alta intensità e attacchi di missili anti-nave. Contribuiscono inoltre al controllo aereo e marittimo durante le operazioni militari fornendo il comando della difesa aerea e il controllo delle forze alleate. Possono anche partecipare a missioni di servizio pubblico. ( fonte Wikipedia)

 Nave rifornimento Vesuvio  ( A 5329)( classe Stromboli)

Nave Vesuvio è la seconda unità della classe Stromboli. La costruzione è avvenuta negli stabilimenti del Muggiano presso La Spezia e l’unità, contraddistinta dalla matricola A 5329. la nave, varata il 4 giugno 1977 , è stata consegnata alla Marina Militare il 31 ottobre 1978.

La nave, come l’unità gemella Stromboli ha assolto il compito di rifornimento di combustibile e materiali vari, incluso viveri, a gruppi operativi di unità navali utilizzando un sistema di rifornimento in mare compatibile sia con le unità navali della Marina Militare che con gli standard della NATO e di numerose altre marine militari.

Dopo oltre quattro decenni di servizio la nave è andata in disarmo l’11 ottobre 2023.(fonte Wikipedia)