H.M.S. Calliope

H.M.S. Calliope

Hms Calliope
Sfuggendo dall’uragano Apia 14-16 marzo 1889 – Isole Samoa.
Acquerello cm 35×50- Collezione Privata

Fonte Wikipedia

  Varato nel 1884 e completato nel gennaio del 1887 l‘HMS Calliope era una corvetta di classe Calypso (in seguito classificata come incrociatore di terza classe ) della Royal Navy che servì dal 1887 al 1951. Esemplificando la natura transitoria della tarda flotta vittoriana, Calliope era una corvetta a vela – ultima nave costruita per la Royal Navy – ma ha completato l’armamento velico con un potente motore. Per la prima volta venne utilizzato l’acciaio per costruire lo scafo ( opera morta) mentre le precedenti navi erano costruite in ferro . Lo scafo , sotto la linea di galleggiamento, invece era in legno rivestito in rame, come nelle tradizionali navi in legno. 

Calliope fu  noto per “uno dei più famosi episodi di navigazione nell’Ottocento”, quando la nave fu l’unica presente ad evitare di essere affondata durante il  ciclone tropicale che colpì Apia , Samoa nel 1889.  Dopo la radiazione dal servizio  attivo, Calliope servì come nave da addestramento fino al 1951, quando la vecchia corvetta fu venduta per la rottamazione.

Nel marzo del 1889, la nuova corvetta Calliope, inviata per mantenere la pace e proteggere gli interessi della Gran Bretagna in Samoa, si unì agli squadroni della flotta delle navi della Germania imperiale e degli Stati Uniti ad Apia.  Il porto era primitivo, piccolo e quasi circondato da barriere coralline. Poteva dare riparo a quattro navi,  ma a causa del ciclone all’ancoraggio vi erano sette navi da guerra e sei navi mercantili il 14 marzo. 

Il barometro cominciò a cadere quel giorno e cominciò a formarsi un ciclone tropicale . Il ciclone Apia del 1889 aumento’ la sua  ferocia nei due giorni successivi.   La pioggia cadeva fitta, riducendo la visibilità. Venti da 70 a 100 nodi (130-185 km / h, 80-115 mph) soffiavano direttamente sull’ancoraggio, intrappolando le navi nel porto a forma di V. Il fondo del porto era agitato dalla corrente e le ancore persero la presa Facendo funzionare i loro motori a tutta velocità per resistere al vento e alle onde, le navi trascinarono comunque le loro ancore e furono inesorabilmente spinte verso terra. Gli scafi si scontravano e venivano sospinti sulle barriere coralline o si arenavano a terra, e alcuni affondarono. ] Alle 16:00 del 16, Calliope, anche se stava ancora all’ancora, venne  colpito da una nave e per poco mancò a un’ altra, quindi  il capitano Kane decise di tentare la fuga. Per alleviare lo sforzo sui cinque cavi di ancoraggio, le caldaie di Calliope producevano la massima pressione; i motori venivano lavorati “a caldo” e l’elica faceva 74  giri al minuto , sufficienti per 15 nodi (28 km / h) in acque più calme. Nonostante questo sforzo titanico, la nave riuscì a malapena a fare progressi contro i venti e i mari del porto.

La nave si trovo’ 20 piedi (6 m) di distanza era la barriera corallina. Davanti a noi c’erano le navi statunitensi USS  Vandalia e USS  Trenton ; a dritta c’erano altre navi da guerra. C’era solo una stretta apertura tra le navi da un lato e il terreno dall’altro. Ristretto tra  questi ostacoli e con il timone a volte entro 2 metri (2 piedi) dalla scogliera, Calliope manovrò mentre era ancora attaccato ai cavi dell’ancora, che cominciarono a cedere. Quando il capitano Kane vide un’apertura, fece scivolare le ancore e avanzò.  Evitando l’indifeso Vandalia , si avvicinò al Trenton  che stava affondando, avvicinandosi così tanto che ‘Il braccio del pennone  passò sul ponte della nave Americana. Mentre Calliope si dirigeva verso l’uscita del  porto, il movimento sollevò il Trenton . L’equipaggio della nave americana, indifesa e condannata, applaudì Calliope mentre la corvetta scivolava via. La nave britannica che usciva verso il mare aperto venne definita dal  comandante americano  “uno dei più grandi spettacoli che un marinaio o chiunque altro abbia mai visto: la vita di 250 anime dipendeva dall’avventura pericolosa”.

La tempesta ha tenuto Calliope in mare nei due giorni successivi. Rientrando nel porto il 19 marzo per cercare le ancore perdute, l’equipaggio scoprì che tutte le altre navi – dodici in tutto – erano state distrutte o affondate, e quasi ogni equipaggio era stato minato dalla perdita di uomini uccisi dalla tempesta. 

Il Capitano Kane quindi portò la sua nave a Sydney, dove ricevettero un’accoglienza da eroi. La manovra così difficile e ardita,  l’eccellenza dei motori e la dedizione dell’equipaggio, che tenne in funzione la centrale elettrica per molte ore durante tutta la difficile prova , l’arte marinara del Capitano Kane e degli ufficiali; il loro coraggio nel lasciare il porto  e affrontare la tempesta, fidandosi solo della loro nave e di loro stessi,  il rispetto e l’incoraggiamento dato loro dall’equipaggio del Trenton , resero famoso  il Calliope . 

Rientrato in patria nel 1890, la nave fece parte per 7 anni della riserva per essere poi adibita a nave scuola dal 1897 al 1905. Quindi la nave fu radiata e messa in vendita. Venne poi usata dalla nuovo proprietà come pontone per lavori sul Tyne, infine demolita nel 1953.

Per la sua eroica azione nello sfuggire al tifone, venne soprannominata :”Hurricane Jumper”

 

Add Comment Register



Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>