Due Fregate di costruzione veneziana nella Marina di Napoleone

Due Fregate di costruzione veneziana nella Marina di Napoleone

Il 23 agosto del 1799, una piccola squadra di navi battenti bandiera francese lascia il porto di Alessandria d’Egitto:

- La fregata da 44 cannoni “le Muiron”

- La fregata da 44 cannoni “ le Carrier”

- L’avviso-scorta “Independent”

- L’avviso scorta “Revanche”.Ia loro e’ una missione segreta, navigando si tengono il piu’ possibile sotto la costa africana, per cercare di sfuggire alle navi inglesi in quel periodo padrone del Mediterraneo, specialmente dopo aver sbaragliato la flotta francese ad Abu Kir l’anno prima . La campagna d’Egitto del Generale Bonaparte dopo una partenza vittoriosa inizia, anche sulla terraferma ad avere dei problemi, dovuti ad effetti di logoramento e problemi sanitari che affliggono le truppe sbarcate. Ci sono inoltre notizie non buone che arrivano da Parigi. Il Generale Bonaparte intuisce che deve rientrare nella capitale per riprendere la situazione in mano e volgerla a suo favore. Dopo a aver assegnato il comando della spedizione al Generale Kleber, si imbarca la sera del 22 agosto sulla fregata “le Muiron”, con il suo seguito, i generali Berthier e Andreossy , Bourienne il suo segretario e Eugene Beauhrnais , suo genero. I generali Murat,Lannes,Marmont e Duroc si imbarcano sull’altro fregata “le Carrier”(gemella de “le Muiron”). Insieme ai Generali, sulle due navi imbarca una piccola scorta di 200 granatieri.Napoleone e’ conscio che gli inglesi sono padroni del mediterraneo e temendo di essere intercettato dispone il massimo segreto dell’operazione ed elabora un piano che prevede che in caso di scoperta  da parte delle forze inglesi, le navi sbarchino i generali con il corpo dei granatieri di scorta, insieme ad una piccola artiglieria sulla terraferma  dove il Generale pensa di poter avere la meglio sugli eventuali aggressori.

La fregate Muiron e Carrere cun gli avvisi scorta, partono dall’Egitto con Napoleone . Piccolo acquerello Sandro Feuglio

- Le due principali navi che vengono utilizzate “ le Muiron “ e “le Carriere” sono due navi che Le truppe napoleoniche hanno trovato sugli scali dell’Arsenale di Venezia ,dopo aver invaso la città’ e aver messo fine a dodici secoli di libertà’ ed indipendenza della Repubblica Veneta. Il 6 agosto 1797, durante la prima occupazione francese, viene ultimata la fregata leggera da 14 portelli ad ordinata doppia, classe 44 cannoni, presente sullo squero n 11 della darsena “Novissima grande” alla quale viene dato il nome di “la Muiron”nome del giovane colonnello francese caduto nello scontro di Arcole con le truppe austriache facendo da scudo con il proprio corpo al futuro imperatore, salvandolo in tal modo dalla morte.Dopo il varo, la nave, con equipaggio francese viene portata a Tolone. Considerando che era risultata una nave veloce, si decise in un primo tempo di utilizzarla per la guerra di corsa contro il naviglio inglese. Venne poi aggregata alla flotta che trasporto’ il corpo di spedizione francese in Egitto. Insieme poi alla gemella “la Carrere”, si trovava in mare il primo agosto del 1798 quando lo flotta inglese al comando dell’Ammiraglio Nelson distrusse la flotta francese alla fonda nella rada di Abu Kir.

Il comando della “Murion” viene assunto dall’Ammiraglio Ganteaume  comandante in capo delle forze navali impegnate sul Nilo e lungo la costa dell’Africa. La “ Carrere” e’al comando di Dumanoir.

Il viaggio di queste 4 navi verso ponente risulta difficile per i venti contrari che rallentano la marcia: dal 23 agosto al 3 settembre quindi con venti favorevoli il 13 settembre lasciano le coste africane all’ altezza di Cartagine risalgono lungo le coste della Sardegna ed arrivano ad Ajaccio il primo ottobre ; l’occasione per Napoleone di rimanere alcuni giorni nella sua città’ Natale.

La Francia ora e’ solo a poche ore di distanza purtuttavia l’Amm. Ganteaume e il Gen. Bonaparte temono più’ che mai l’incontro con una flotta inglese.

Riporto qui di seguito un passo delle memorie del gen. Bourrienne

“Il 7 ottobre le condizioni del tempo ci consentirono di lasciare il golfo di Ajaccio. La navigazione fu felice e silenziosa fino al giorno seguente, ma quel giorno, al tramonto avvistammo uno squadrone inglese di 14 vele. Gli inglesi, favoriti dalla disposizione della luce, ci vedevano meglio di quanto potessimo noi vedere loro. Riconobbero le nostre due fregate come di costruzione veneziana, e la notte venne molto felicemente per noi; poiché’ non eravamo molto distanti gli uni dagli altri, abbiamo visto a lungo i segnali della flotta inglese; il rombo dei cannoni si udivano sempre più’ alla nostra sinistra e pensavamo che l’intenzione degli incrociatori fosse quella di portarci a Sud-Est.

In questa occasione Napoleone Bonaparte fu autorizzato a rendere grazie alla fortuna, perché’ è abbastanza evidente che se gli inglesi avessero sospettato che le nostre fregate venissero dall’Oriente e andassero in Francia, ci avrebbero sbarrato la rotta navigando tra noi e la terra, cosa che sarebbe stata molto facile per loro. Probabilmente ci presero per un convoglio di rifornimenti sulla rotta da Tolone a Genova e fu per questo errore e per l’oscurita’  che ci salvammo.”

Il giorno dopo , all’alba del 9/10/1799, la costa francese e’ in vista, ma le batterie costiere avvistate le 4  navi aprono il fuoco pensando di avere a che fare con gli inglesi. Per fortuna le palle della difesa costiera di perdono fra le onde e alle otto del mattino le fregate Muiron e Carrere danno fondo nella rada di Frejus.

l’arrivo di Napoleone a Frejus a bordo della fregata Muiron, in un quadro del pittore Louis Meijer del 1843.

Scrive nel suo diario il Gen. Bourrienne: “ avevamo quasi toccato la riva quando si e’ sparsa la voce che una delle due fregate ospitava a bordo il Generale Bonaparte. Poi in un attimo il mare fu coperto di barche; invano li abbiamo esortati ad andare via, siamo stati portati dall’entusiasmo popolare fino a terra.

Un mese dopo Napoleone Bonaparte prese il potere diventando Primo Console. Cinque anni dopo veniva incoronato Imperatore dei francesi.

Dopo questa avventura straordinaria la fregata continuo’ la sua carriera attiva e sotto il comando del capitano di fregata Martinenq partecipo’ alla battaglia di Algeciras (1801). Partecipo’ nel 1802 alla spedizione di Santo Domingo. Il 30 gennaio 1807 la “Muiron” al comando del Capitano Martinenq ebbe una collisione con la fregata francese ( costruita al cantiere della Foce di Genova)“Pomone” nella baia di Carquieranne vicino a Tolone.

Nel giugno dello stesso anno, Napoleone, che era senza dubbio superstizioso, chiese al ministro della Marina di togliere la fregata dai combattimenti, infatti scrive: “ Desidero che la “Muiron”sulla quale sono ritornato dall’Egitto, sia conservata come monumento e posta in modo tale da conservarla, se possibile, diverse centinaia d’anni”.

Modello della Fregata Muiron al Museo della Marina di Parigi

 

Due anni dopo aver fatto parte della piccola squadra navale che sfuggendo alla sorveglianza inglese, riporto’ in patria dall’Egitto Napoleone Bonaparte, la fregata di costruzione veneziana “Carrere”,il 3 Agosto del 1801, vicino all’isola d’Elba venne catturata dalla fregata Hms Pomone, mentre stava scortando un piccolo convoglio di navi mercantili tra Porro Ercole e Porto Longone.

La cattura della Fregata Carrere da parte della HMS Pomone al largo di porto Ercole. Acquerello 25×36- Sandro Feruglio – Pittore di Marina

 

Disegno originale di Sandro Feruglio pittore di Marina.

Acquerello cm 26×36

L’acquerello è in vendita , se sei interessato, prenotalo con un messaggio Whatsapp al n. 366 8744473

 

 

English translation

There is a Venetian-built frigate in the history of Napoleon Bonaparte.
On 23 August 1799, a small team of ships flying the French flag left the port of Alexandria in Egypt:
- The 44 gun frigate “le Muiron”
- The 44-gun frigate “le Carrier”
- The “Independent” escort notice
- The warning escort “Revanche”. Their is a secret mission, sailing they keep as much as possible under the African coast, to try to escape the English ships in that period master of the Mediterranean, especially after having routed the French fleet in Abu Kir the year before. The Egyptian campaign of General Bonaparte after a successful departure begins, even on the mainland, to have problems, due to the effects of attrition and health problems that afflict the landed troops. There is also bad news coming from Paris. General Bonaparte senses that he must return to the capital to take the situation back and turn it in his favor. After having assigned the command of the expedition to General Kleber, he embarks on the evening of August 22 on the frigate “le Muiron”, with his entourage, generals Berthier and Andreossy, Bourienne his secretary and Eugene Beauhrnais, his son-in-law . Generals Murat, Lannes, Marmont and Duroc embark on the other frigate “le Carrier” (sister ship of “le Muiron”). Together with the Generals, on the two ships he embarks a small escort of 200 grenadiers.Napoleon is aware that the British are masters of the Mediterranean and fearing to be intercepted, he has the utmost secret of the operation and draws up a plan which provides that in case of discovery by part of the English forces, the ships disembark the generals with the corps of escort grenadiers, together with a small artillery on the mainland where the General thinks he can get the better of any attackers.
-
- The two main ships that are used “the Muiron” and “the Carriere” are two ships that the Napoleonic troops found on the ports of the Arsenal of Venice, after invading the city ‘and putting an end to twelve centuries of freedom’ and independence of the Venetian Republic. On August 6, 1797, during the first French occupation, the light frigate with 14 doors with double frame, class 44 guns, was completed, present on squero n 11 of the “Novissima grande” dock, which was given the name of “la Muiron”. of the young French colonel who fell in the clash of Arcole with the Austrian troops acting as a shield with his own body to the future emperor, thus saving him from death.After the launch, the ship, with French crew, was brought to Toulon. Considering that she had turned out to be a fast ship, it was initially decided to use her for the racing war against the English shipping. She was then added to the fleet that transported the French expeditionary force to Egypt. Together with her twin “la Carrere”, she was at sea on 1 August 1798 when the English fleet under the command of Admiral Nelson destroyed the French fleet at anchor in the Abu Kir bay.
The command of the “Murion” was assumed by Admiral Ganteaume commander in chief of the naval forces engaged on the Nile and along the coast of Africa. The “Carrere” is under the command of Dumanoir.
The voyage of these 4 ships to the west is difficult due to the contrary winds that slow down the march: from 23 August to 3 September then with favorable winds on 13 September they leave the African coasts at Carthage they go up along the coasts of Sardinia and arrive at Ajaccio on 1st October; the occasion for Napoleon to stay a few days in his Christmas city.
France is now only a few hours away, however, Adm. Ganteaume and Gen. Bonaparte fear more than ever an encounter with an English fleet.
Here is a passage from the memoirs of gen. Bourrienne
“On 7 October the weather conditions allowed us to leave the Gulf of Ajaccio. The navigation was happy and silent until the following day, but that day, at sunset, we sighted a British squadron of 14 sails. The British, favored by the arrangement of the light, saw us better than we could see them. They recognized our two frigates as being of Venetian construction, and the night came very happily for us; since we were not very far from each other, we saw the signs of the English fleet for a long time; the roar of cannons were heard more and more on our left and we thought that the intention of the cruisers was to take us to the South-East.
On this occasion Napoleon Bonaparte was authorized to give thanks to luck, because ‘it is quite evident that if the British had suspected that our frigates came from the East and went to France, they would have blocked our route by sailing between us and the land, which that it would be very easy for them. They probably took us for a supply convoy on the route from Toulon to Genoa and it was for this mistake and for the darkness that we were saved. ”

The next day, at dawn on 9/10/1799, the French coast is in sight, but the coastal batteries sighted by the 4 ships open fire thinking they are dealing with the British. Luckily the balls of the coastal defense of forgiveness among the waves and at eight in the morning the Muiron and Carrere frigates sink into the Frejus bay.
Gen. Bourrienne writes in his diary: “We had almost touched the shore when the rumor spread that one of the two frigates was hosting General Bonaparte on board. Then in an instant the sea was covered with boats; in vain we urged them to leave, we were carried to the ground by popular enthusiasm.
A month later Napoleon Bonaparte took power and became First Consul. Five years later he was crowned Emperor of the French.
After this extraordinary adventure, the frigate continued her active career and under the command of the frigate captain Martinenq took part in the battle of Algeciras (1801). You took part in the expedition of Santo Domingo in 1802. On 30 January 1807 the “Muiron” under the command of Captain Martinenq collided with the French frigate (built at the mouth of Genoa) “Pomone” in the bay of Carquieranne near Toulon.
In June of the same year, Napoleon, who was undoubtedly superstitious, asked the Minister of the Navy to remove the frigate from the fighting, in fact he wrote: “I want the” Muiron “on which I returned from Egypt to be preserved as a monument and placed in such a way as to preserve it, if possible, for several hundred years “.

 

Add Comment Register



Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>