America’s Cup 1887 ” Thistle” sfida ” Volunteer”

America’s Cup 1887 ” Thistle” sfida ” Volunteer”

“Thistle” (Cardo) sfidante scozzese per la Coppa America del 1887

LO SFIDANTE

Questa volta fu un Club Scozzese il “ Royal Clyde Yacht Club” a cercare di conquistare l’ambito trofeo, mettendo in acqua un velocissimo sloop, ” Thistle” di 32,55 m ed una superficie velica di 828 mq, scafo in acciaio progettato da George Watson (  il famoso architetto che nel 1893 disegnerà il Britannia , yacht reale, ma anche altri altri famosi Yachts), skipper John Barr. Regatando contro Genesta e Irex in acque inglesi dimostrò di essere un valido sfidante . Gli Scozzesi arrivarono fiduciosi a New York, attraversando l’atlantico in ventidue giorni.

Gli americani erano molto preoccupati della fama che accompagnava lo sfidante e di un certo alone di mistero che lo circondava, infatti, dei teloni nascondevano la chiglia quando la barca era in porto. Ci fu un proliferare di congetture, e, soprattutto, tante fantasticherie, tanto che il World, prestigioso quotidiano locale, inviò un palombaro a spiare la carena dell’imbarcazione sfidante: dopo il sopralluogo, il palombaro consegnò un disegno che lasciò tutti sconcertati, si accorsero quindi che il disegno non aveva niente a che fare con il Thistle perché il palombaro aveva sbagliato yacht.

Scoppiò poi un finimondo quando la barca sfidante venne misurata e risultò più lunga al galleggiamento di 45 cm rispetto a quello comunicato ufficialmente. Il New York Yacht Club si rivolse quindi a Schuyler, l’ultimo dei proprietari viventi di America . Il gentiluomo americano decise di credere sulla buona fede dello sfidante e convinse gli esponenti del NYYC ad accettare ugualmente la sfida per non rischiare di passare per poco sportivi.

Si arrivò quindi alla fine di settembre, con i difensori un pò timorosi e gli scozzesi sicuri di vincere, tanto che alla partenza avevano già stivato lo yacht con il loro miglior wiskey, pronti per festeggiare.

IL DEFENDER

” Volunteer” difensore americano

Come si vede dalla fotografia, Volunteer era una bella barca con una prua che si potrebbe  definire a clipper  ed un bompresso molto lungo, quasi 12 metri. Più stretto e dal maggior pescaggio di  Puritain e Mayflower suoi avversari nelle regate di selezione, Volunteer era una barca veloce .Disegnata da Edwar Burgess  e armata dal Generale G. Paine era lunga 32,40  ,  aveva una sup. velica di 861 mq e  lo scafo in acciaio.

IL CAMPO DI REGATA

1887 si regata nelle acque di Sandy Hook

La settima edizione della Coppa America, si svolge al meglio di tre regate nelle acque di Sandy Hook.

IL 27 Settembre 1887, nella prima regata, seguita da un’imponente flotta di spettatori, Thistle fece una partenza migliore, si porto quindi in testa ma Volunteer rimontò, superò lo sfidante e vinse con un margine di 19 minuti.

Coppa America 1887 – Prima regata – Thistle parte in vantaggio.

Lo stupore e l’incredulità di una sconfitta poco onorevole (20 minuti in tempo compensato) spinse gli scozzesi a mettere la barca in secco dopo la prima prova per controllare che la chiglia fosse a posto oppure se qualcuno avesse fatto qualche azione per comprometterne l’efficacia.

Nella seconda regata, disputata con venti moderati, Volunteer rimase al comando dalla partenza all’arrivo.

Finì così questa sfida che sembrava così promettente., Tistle fu venduto al  KaiserGuglielmo che gli cambiò nome in Meteor e spesso lo mandò in Inghilterra a farlo regatare.

IL MIO ACQUERELLO

Coppa America 1887 – Prima regata – Thistle parte in vantaggio

Acquerello su carta Arches 300 gr cm. 36X51

L’acquerello  originale è in vendita a 500,00 euro ( più spese di spedizione).

Disponibili stampe del formato originale su carta 300 gr/mq a €15,00 (più spese di spedizione)

Se sei interessato contattami.

 

Add Comment Register



Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>